Messa di Natale sulle strade della prostituzione

Quel bambino Gesù che nasce anche nei contesti più degradati e feriti

«Davanti al bisogno di dare voce alle schiave di oggi, celebrare la Messa in strada mi è sembrato  il modo più bello per ricordare che la Chiesa è fatta di mattoni ma anche della carne ferita di Gesù. Il Signore si è accontentato di nascere in una stalla insegnandoci che in ogni luogo, anche il più degradato, può splendere la Sua presenza» - spiega don Angelo Boattin, cappellano del carcere femminile e maschile a Pontremoli (MS), sacerdote che collabora con l'Unità di Strada della Comunità di don Oreste Benzi. Non si preoccupa, nonostante il freddo e il contesto prostitutivo, di celebrare questa sera, venerdì 23 dicembre, alle ore 23 nella piazzola del distributore Agip del Centro Luna Coop di Sarzana (SP) insieme alle donne prostituite nel territorio - circa venti - contattate ogni settimana dai volontari delle Unità di Strada della Comunità Papa Giovanni XXIII e anche a quelle che invece dal racket sono fuggite.«Mi colpisce molto, nei membri della Comunità Papa Giovanni XXIII e di queste donne che incontrano, una fede genuina che ascolta il povero che grida. Sia il povero accolto che ci accoglie insieme ci testimoniano che è Gesù che ci sta parlando e siamo invitati tutti a cercarlo tra i più emarginati. E ringrazio Dio tutti i giorni di averci dato un Papa come Francesco che ha a cuore tutta l'umanità ferita, anche le vittime di tratta, e mi permette di vivere un Vangelo senza fronzoli, anche in strada!».

In Toscana sono una decina le nuove accoglienze attivate nel 2016 dalla Comunità di don Benzi, donne molto giovani per lo più nigeriane, tra cui una minore e una presunta minore, ora inserite in programmi di reinserimento sociale. Tra di loro anche due donne incinte ed una che ha appena partorito. La Comunità è infatti partner del progetto regionale ConTratTo, acronimo di Contro la Tratta in Toscana, attraverso il quale vari soggetti, istituzionali e del privato sociale, garantiscono protezione e sostegno alle vittime.
 
«Pregheremo per gli sfruttatori — spiega Roberto Gerali, coordinatore delle unità di strada di La Spezia, Massa Carrara e Firenze —, ed in particolare per i clienti che sono complici della riduzione in schiavitù delle donne. Molte di loro sono minorenni, arrivate dalla Nigeria con i barconi della disperazione. Vogliamo far vivere alle nostre “sorelle e figlie”, come amava chiamarle il nostro fondatore don Oreste Benzi, un Natale speciale, perché ne hanno il diritto. Noi come cristiani non possiamo sentirci in pace finché non lo potranno festeggiare da persone libere. Invitiamo i giovani, le associazioni, le istituzioni: vengano in strada con noi, venerdì sera».

L'iniziativa di questa sera rientra tra gli eventi della Campagna nazionale "Questo è il mio corpo”, (www.questoeilmiocorpo.org), chiede alle istituzioni di fermare la domanda del sesso a pagamentopresentata a luglio a Montecitorio dalla Comunità Papa Giovanni XXIII.



Irene Ciambezi
24 Dicembre 2016
NOTIZIE CORRELATE

 

Ultime news
  • Prostituzione: vietato l'acquisto
    Lo scorso 19 Gennaio, a Roma, presso la Camera dei Deputati, si è tenuto il seminario “Contro la schiavitù della prostituz...
    Leggi tutto
    23 Gennaio 2017
  • Continuano gli incontri dell’Un..
    Come reagire al male che dilaga? Come difendersi dalle logiche di sopraffazione? Come coniugare la giustizia con il perdono?
    Leggi tutto
    19 Gennaio 2017
  • Una casa CON i nonni a Forlì
    Anziani, operatori e volontari, ma anche bambini. È così che nella struttura diurna inaugurata il 14 gennaio a Forlì si...
    Leggi tutto
    16 Gennaio 2017
  • Pace: diritto per tutti i popoli
    La Dichiarazione del Diritto Umano alla pace è un importante passo avanti per la promozione della giustizia sociale
    Leggi tutto
    13 Gennaio 2017
  • Haiti: 7 anni dopo il terremoto
    Sette anni fa, il 12 gennaio 2010, un tremendo terremoto ha devastato l'isola caraibica e seminato morte. Il passaggio de...
    Leggi tutto
    12 Gennaio 2017
  • Nonviolenza per una politica di p..
    “La nonviolenza: stile di una politica per la pace”: è il titolo del messaggio di Papa Francesco in occasione del 50...
    Leggi tutto
    11 Gennaio 2017
  • L'ultimo con gli ultimi
    Davvero ogni momento della nostra vita può diventare occasione speciale di incontri, di cammino e di rinnovamento della n...
    Leggi tutto
    06 Gennaio 2017
  • Da don Oreste a don Ugolini
    Tra le testimonianze raccolte nel nuovo libro: “Il La della vita” dedicato all'insegnamento di don Giancarlo Ugolini, ...
    Leggi tutto
    04 Gennaio 2017
  • I volti della tratta a Bologna
    Il fenomeno della tratta è il tema trattato in un evento svoltosi alla Capanna di Betlemme di Bologna
    Leggi tutto
    02 Gennaio 2017
  • 12 cose stra-ordinarie del 2016
    Tutti pronti per brindare all’anno nuovo in arrivo? E proprio volgendo alla fine del 2016 viene spontaneo fare un po’ d...
    Leggi tutto
    31 Dicembre 2016
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…