Lo sfruttamento delle donne: crimine mafioso che si può interrompere

Per le donne crocifisse

Il Cristo vestito di bianco, gridando straziato dal dolore, mano e volto che si allungano verso il cielo, entra in scena sul sagrato della Chiesa di Santo Spirito in Sassia. Una giovanissima donna nigeriana, una delle tante vittime di tratta tra la folla presente alla Via Crucis vivente il 26 sera a Roma, col viso stravolto, continua a ripetere tra sé e sé «ma è vero?». Difficile spiegarle che quelle grida di dolore, e nelle successive stazioni, le accuse, le percosse, gli sputi, fino al momento della crocifissione non sono che una rappresentazione delle tappe della passione e morte di Gesù, devozione diffusa nella Chiesa cattolica dalla tradizione francescana. Difficile comprenderlo per chi quelle violenze le ha subìte davvero e, anche a distanza di tempo, le sente ancora sulla sua pelle e sente che la carne sanguinante di Cristo è stata anche la sua.

Questa carne violata oggi come ieri è stata al centro della preghiera e della riflessione, tra danze, canti, letture evangeliche, rappresentazioni teatrali ed esibizione d’orchestra, di più di ottomila persone che hanno camminato lungo le vie della Capitale rispondendo all’invito fatto da Papa Francesco all’angelus di domenica scorsa a sostegno dell’evento promosso dall’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII a cui ha preso parte anche il vicario generale del Santo Padre, cardinal Agostino Vallini, portandone il saluto. Ma sono pure intervenuti, a testimonianza della comunione ecclesiale e del comune impegno per la liberazione delle schiave di oggi, don Fabio Rosini, direttore dell’Ufficio Vocazioni della Diocesi di Roma e ideatore del progetto “10 comandamenti”; Matteo Truffelli, presidente dell’Azione Cattolica; Salvatore Martinez, presidente del Rinnovamento nello Spirito; Raffaella De Marchis, del Cammino Neocatecumenale; suor Eugenia Bonetti, responsabile dell’Ufficio nazionale tratta dell’Usmi; padre Maurizio Botta, del cammino “I 5 passi”.

Nell’ultima stazione, la scena che ha maggiormente commosso i presenti. Una donna appesa alla croce sul sagrato della Chiesa di Santa Maria in Valpolicella che ricorda le 50mila “donne crocifisse” in Italia di cui - secondo i dati del dossier più recente Piccoli schiavi invisibili sul fenomeno della tratta - più di un quarto sono minorenni, hanno tra i 13 e i 17 anni, sono adolescenti ignare del contesto prostituivo in cui saranno introdotte e dell’addestramento alla compravendita di sé a cui dovranno sottomettersi, in strada o al chiuso. Tra queste sono raddoppiate le donne nigeriane trafficate col flusso dei profughi, come denunciato anche dal report di Caritas ambrosiana. Crocifisse anche perché doppiamente costrette con la forza a consegnare il proprio corpo: dai loro trafficanti e dai loro clienti. Lo ha spiegato con chiarezza Padre Maurizio Botta, davanti alla sua Chiesa di Via Vittorio Emanuele rivolgendosi agli uomini che trattano, agli sfruttatori, ai mafiosi. «Convertitevi! Questa vita non vi darà gioia, potere e denaro. Il denaro che deriva da affari sporchi è denaro e potere insanguinato e non potrete portarlo nell'altra vita».

E indirizzandosi ai clienti spesso adulti, papà di famiglia e anche delle nostre chiese ha richiamato fortemente al pentimento per non continuare ad essere complici di questo crimine mafioso che è lo sfruttamento sessuale delle donne. Anche don Fabio Rosini, dell’Ufficio vocazioni di Roma, parlando dei clienti ha precisato che «gli uomini che compiono queste violenze deturpano e rinnegano se stessi». Quando l’uomo è nel peccato non riesce più a guardare se stesso tantomeno riesce a vedere l’altro, ovvero la donna che sta sfruttando. E diventa inevitabilmente complice di quel sistema di corruzione e di mafia che è alla base dello sfruttamento della prostituzione, una mafia che non è solo rumena, albanese o nigeriana ma che s’intreccia con tanti uomini e donne corrotte in Italia.

Per rompere questo muro di indifferenza, ha ricordato alla fine della Via Crucis il cardinal Vallini, occorre chiedere «perdono per i silenzi, per il disinteresse e anche per la sterile pietà che accompagna la vita di queste ragazze». Due vittime quasi bambine, sfuggite allo sfruttamento in strada e accolte dall’Associazione di don Benzi, con la benedizione e l’abbraccio del vicario, han trasformato l’ultima stazione della Via Crucis in una tappa di luce e di speranza. Così pure la donna crocifissa, nella rappresentazione vivente, all’interno della Chiesa di Santa Maria in Vallicella liberata da Cristo crocifisso e poi Risorto per la salvezza di tutti ma soprattutto per quanti portano la croce anche oggi, ha trasformato il suo dolore in danza e musica. Anche da questa mafia ci si può sottrarre, «se siamo in tanti ad ascoltare il grido delle vittime – ha spiegato Paolo Ramonda - e se diventiamo come dei goel, ridando loro libertà, dignità e gridando ai trafficanti e ai clienti di smetterla!»

 

(Irene Ciambezi)

Sostieni la Comunità Papa Giovanni XXIII. Mettiamo fine a questa moderna schiavitù.



Irene Ciambezi
27 Febbraio 2016

Noi ci mettiamo la nostra vita, tu mettici il tuo 5xmille Codice fiscale 00310810221 #Cimettolamiavita

 

 

Ultime news
  • In partenza: giovani in missione
    Dal 17 al 19 marzo si è svolto il Corso Missioni rivolto a tutti i giovani interessati a fare un’esperienza in una delle r...
    Leggi tutto
    20 Marzo 2017
  • La voce dei profughi siriani all'..
    Il 14 marzo 2017, alla 34a sessione del Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra si è svolto il dialogo interattivo con la C...
    Leggi tutto
    16 Marzo 2017
  • Anche Ferrara sanziona i clienti
    È stato approvato lunedì 13 marzo il nuovo Regolamento di Polizia urbana con la maggioranza Pd pressochè compatta, che pre...
    Leggi tutto
    15 Marzo 2017
  • La sfida cristiana nel cuore dell..
    Testimoni della misericordia di Dio verso i più poveri e gli emarginati. Ecco la sfida di oggi, soprattutto per noi cristi...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • «Vi scrivo dal Bangladesh»
    La zona Asia (che riunisce i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII che vivono in Bangladesh, Sri Lanka, India, Cina) s...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • Un concerto contro la tratta
    Il Teatro “Magda Olivero” di Saluzzo (CN) era gremito e la gente che non è riuscita a trovare un posto a sedere, ha g...
    Leggi tutto
    13 Marzo 2017
  • Su Rai Due le donne invisibili
    Abbiamo appena finito di festeggiare la dignità delle donne, di tutte le donne con la ricorrenza dell’8  marzo. Eppure è s...
    Leggi tutto
    10 Marzo 2017
  • Villa confiscata diventa Casa Fam..
    A Sarzana, in provincia de La Spezia, un immobile ed un terreno confiscati alle organizzazioni criminali accoglieranno un...
    Leggi tutto
    09 Marzo 2017
  • Non solo mimose
    Buone notizie da numerosi comuni italiani, tra gli ultimi Piacenza e Sarzana, città in cui l'amministrazione comunale ha ...
    Leggi tutto
    08 Marzo 2017
  • Una via dedicata a don Benzi
    «Grazie per aver dedicato questa strada a don Oreste Benzi, prete di strada» Così Giovanni Paolo Ramonda si è rivolto ...
    Leggi tutto
    06 Marzo 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…