L'elemosina rende schiavi

A Bologna una nuova casa famiglia per gli ultimi

«Quello che mi stupisce di più della Comunità Papa Giovanni XXIII è come riesca sempre a rendere semplici le cose complicate: oggi mentre tutti costruiscono muri e chiudono le porte e il cuore, una nuova casa-famiglia della Comunità apre le porte a tutti senza distinzioni». Ha accompagnato con queste parole Mons. Matteo Maria Zuppi la benedizione della casa-famiglia del Pilastro, l'unica in città, inaugurata oggi alle 16.30 alla presenza del Presidente dell'Associazione Giovanni Ramonda e dell'Assessore al Welfare del Comune di Bologna, Luca Rizzo Nervo.

30 anni di condivisione multietnica nel quartiere Pilastro

Furono per primi i coniugi Angelo e Anna Giardini nel 1992 ad aprirsi all'accoglienza nell'abitazione di Via Pirandello 7, concessa in comodato d'uso dal Comune di Bologna all'Associazione Papa Giovanni XXIII per "dare una famiglia a chi non ce l'ha", all'epoca alcuni disabili del territorio. Ascoltando il grido dei poveri della città, la famiglia Giardini si rese disponibile in seguito anche all'accoglienza di donne vittime di sfruttamento sessuale. Nel '96 infatti prese il via la prima unità di strada della Comunità a Bologna. Oggi, dopo quasi trent'anni di presenza nel quartiere Pilastro, il capoluogo emiliano vede alla luce una nuova realtà dell'Associazione di don Benzi, la casa famiglia Pamoja (che in lingua Kiswahili significa "insieme"), che non a caso già dal nome esprime il desiderio di essere segno di apertura agli ultimi di ogni nazionalità e di ponti di pace possibili. I coniugi Matteo Pisani e Giulia Montanari, responsabili della struttura, infatti sono tra i promotori in città del Portico della pace, una rete interreligiosa, interconfessionale e interculturale che dall'inizio dell’anno ha animato diverse associazioni bolognesi. In casa in tutto sono in 8: oltre ai due figli naturali i giovani sposi sono divenuti infatti mamma e papà di altri quattro adolescenti e nei weekend anche di alcuni bimbi di origine rom. 

Una coppia a fianco delle vittime di tratta: il nuovo progetto elemosinari

Matteo, fisioterapista e Giulia, pedagogista multiculturale, aiutano da tempo donne trafficate ai fini di sfruttamento sessuale, dal primo  contatto all'accoglienza, impegno per cui la Comunità Papa Giovanni XXIII, nella rete comunale da sedici anni, è stata di recente sostenuta anche dalla FAAC Spa insieme al Bologna FC calcio con l'iniziativa del radiocomando del tifoso contro la tratta. 

#FOTOGALLERY:casafamiglia#

Ed ora partirà un nuovo progetto di ricerca antropologica sul fenomeno dell'accattonaggio sostenuto dall'Istituzione per l'inclusione sociale Don Paolo Serra Zanetti di Bologna. Il primo in Emilia Romagna: ad oggi infatti è stato sviluppato il tema solo in Veneto con la ricerca "Stop for Beg". Giulia e Matteo hanno spiegato all'inizio dell'inaugurazione che, da alcuni anni, l'unità di strada dell'Associazione incontra di giorno anche elemosinari e lavavetri davanti ai supermercati, in stazione e nel centro della città. Circa 200 persone che vivono in strada, il 40% profughi di origine africana, il resto di etnia rom - spesso mutilati - e appartenenti a gruppi familiari allargati. «Li contattiamo ad uno ad uno per conoscerne le origini e far emergere eventuali situazioni di tratta e sfruttamento, cercando di comprendere come sono organizzati, chi indica loro dove andare a fare questua, e infine proporre loro un cambiamento di vita e un possibile progetto di inclusione sociale». Anche l'elemosina infatti spesso rende schiavi ed è anche per questo che in Italia il Decreto legislativo 24 del 2014 e il successivo Piano nazionale Antitratta specificano le caratteristiche delle persone vulnerabili che possono essere inserite in programmi di assistenza. Non solo donne sfruttate a scopo sessuale ma anche minori, donne e uomini, disabili, vittime di accattonaggio o di sfruttamento lavorativo. Anche a Bologna questo fenomeno, finora sommerso, verrà alla luce e troverà, grazie alla Comunità di don Benzi, possibili risposte per l'accoglienza delle vittime.



Irene Ciambezi (Foto di Nicola Pirani)
07 Ottobre 2016

Noi ci mettiamo la nostra vita, tu mettici il tuo 5xmille Codice fiscale 00310810221 #Cimettolamiavita

 

 

Ultime news
  • In partenza: giovani in missione
    Si è svolto, nella Casa di Reggio Calabria per minori profughi non accompagnati, il Corso Missioni: è rivolto a tutti i ...
    Leggi tutto
    20 Marzo 2017
  • La voce dei profughi siriani all'..
    Il 14 marzo 2017, alla 34a sessione del Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra si è svolto il dialogo interattivo con la C...
    Leggi tutto
    16 Marzo 2017
  • Anche Ferrara sanziona i clienti
    È stato approvato lunedì 13 marzo il nuovo Regolamento di Polizia urbana con la maggioranza Pd pressochè compatta, che pre...
    Leggi tutto
    15 Marzo 2017
  • La sfida cristiana nel cuore dell..
    Testimoni della misericordia di Dio verso i più poveri e gli emarginati. Ecco la sfida di oggi, soprattutto per noi cristi...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • «Vi scrivo dal Bangladesh»
    La zona Asia (che riunisce i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII che vivono in Bangladesh, Sri Lanka, India, Cina) s...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • Un concerto contro la tratta
    Il Teatro “Magda Olivero” di Saluzzo (CN) era gremito e la gente che non è riuscita a trovare un posto a sedere, ha g...
    Leggi tutto
    13 Marzo 2017
  • Su Rai Due le donne invisibili
    Abbiamo appena finito di festeggiare la dignità delle donne, di tutte le donne con la ricorrenza dell’8  marzo. Eppure è s...
    Leggi tutto
    10 Marzo 2017
  • Villa confiscata diventa Casa Fam..
    A Sarzana, in provincia de La Spezia, un immobile ed un terreno confiscati alle organizzazioni criminali accoglieranno un...
    Leggi tutto
    09 Marzo 2017
  • Non solo mimose
    Buone notizie da numerosi comuni italiani, tra gli ultimi Piacenza e Sarzana, città in cui l'amministrazione comunale ha ...
    Leggi tutto
    08 Marzo 2017
  • Una via dedicata a don Benzi
    «Grazie per aver dedicato questa strada a don Oreste Benzi, prete di strada» Così Giovanni Paolo Ramonda si è rivolto ...
    Leggi tutto
    06 Marzo 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…