Inaugurata a Pescara una nuova casa famiglia

Ricevute le congratulazioni anche da Papa Francesco

Si è svolta sabato 13 maggio l’inaugurazione ufficiale della Casa Famiglia “Terra promessa” di Città Sant’Angelo, a Pescara, con un sole splendente e un vento leggero che ha deliziato le numerose persone presenti.
«Rendiamo grazie al Signore che suscita sempre buone intenzioni e buoni propositi»: ha iniziato con queste parole la S. Messa il vescovo di Pescara- Penne mons. Tommaso Valentinetti. «Abramo, verso la terra promessa, è spinto ad andare verso se stesso, a scoprire la sua vocazione. La logica del servizio, della propria vocazione, si riconosce anche nell’amore sponsale, come quello di Gianni e Fabiola, e trova la sua espressione nell’amore alla famiglia», ha continuato Mons. Valentinetti nell’omelia.

All’inaugurazione era presente Primo Lazzari, vice responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII, che prendendo la parola ha sottolineato come la famiglia, per Don Oreste, fosse la più bella intuizione di Dio, perché Dio è famiglia. «La casa famiglia – ha continuato Primo Lazzari – è come la perla del villaggio, dove splende la condivisione, dove ognuno si reca per essere abbracciato, per cercare ciò di cui ha bisogno». E, rivolto a Gianni e Fabiola Cantelmi, sposi e genitori della casa famiglia ha detto: «oggi, per voi, si avvera il sogno tanto desiderato, essere il volto tenero e misericordioso del Padre che accoglie. Sarà qui che si cercherà di dare, nella ferialità, un amore senza misura a quei piccoli e quei poveri che chiedono quasi scusa di esistere. L’augurio, a voi e a tutti in generale, sia davvero di riuscire ad impegnarci a fare del mondo una grande casa famiglia».

#FOTOGALLERY:CF_Pescara#

Anche il sindaco di Città Sant’Angelo, Gabriele Florindi, ha accolto con gioia i suoi due nuovi concittadini, ringraziandoli per la loro presenza e dicendo che «ora conosciamo tutti questo luogo, a cui fare riferimento e in cui venire a gioire ogni qualvolta avremo bisogno di dare o di ricevere una mano e sentirci utili». E ha concluso così: «alla fine di questi otto anni in carica come sindaco, la mia aspirazione è di concludere il mio mandato conferendo a Città Sant’Angelo il titolo di città della solidarietà e della carità. Non so se questo titolo esiste, ma se non esiste lo creeremo noi. Questa casa famiglia si aggiunge alla città del sole, per i bambini autistici, e alle nostre case di riposo, dove gli anziani vengono trattati adeguatamente».

Durante l’offertorio, Gianni e Fabiola, accompagnati dai loro figli e da alcune persone care, hanno portato all’altare i doni, tra cui un vasetto con della terra: terra di Sulmona, dove hanno abitato fino ad agosto, e terra di Città Sant’Angelo, come segno di unione tra le radici del passato e di un presente che si intrecciano.
Dopo i saluti e i ringraziamenti, Mons. Valentinetti ha voluto regalare a Gianni e Fabiola un telegramma del Papa, in risposta a una lettera scritta da don Antonio Rapagnetta, sacerdote della diocesi Pescara – Penne e proprietario della struttura della casa famiglia. Papa Francesco ha inviato le sue congratulazioni: «Esprimo vivo compiacimento per la provvidenziale realizzazione di questa casa famiglia, che rende manifesta la speciale predilezione della Chiesa per l’infanzia, sempre memore dell’esempio del suo Signore, che si è identificato e incarnato nei più piccoli e indifesi». Il Santo Padre ha invocato poi abbondanti grazie e favori celesti, per una rinnovata e viva testimonianza del Vangelo della carità.
Al termine della celebrazione e dei saluti, è stato scoperta la targa in legno con inciso il nome della casa famiglia, che sovrasta imponente la porta d’ingresso.
È stata una giornata di gioia: alla Messa e alle parole delle autorità e di Gianni e Fabiola, è seguito un rinfresco all’aperto, con momenti di festa durati fino al tardo pomeriggio.



Martina Taricco
18/05/2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

Ultime news
  • Arte e musica per gli homeless
    Musica e arte si incontrano per sostenere la Capanna di Betlemme di Chieti, una casa di accoglienza dove ogni giorno senza...
    Leggi tutto
    19 Aprile 2018
  • Centro Diurno compie 20 anni
    «Non uno, né nessuno, ma centomila»: ecco il titolo della mostra in occasione dell'evento DiversaMente Abili (11ª edizione...
    Leggi tutto
    18 Aprile 2018
  • Sandra Sabattini, santa della por..
    «È incredibile, sembra proprio il profilo spirituale di Sandra, come se stesse parlando di lei!». Così reagiscono le amich...
    Leggi tutto
    10 Aprile 2018
  • Il tuo 5x1000 alla Comunità Papa..
    Ogni giorno accogliamo bambini, anziani, persone con gravi disabilità, uomini e donne che non hanno niente, che non hanno...
    Leggi tutto
    09 Aprile 2018
  • In festa con i Rom
    L’8 aprile in tutto il mondo si celebra la giornata internazionale dei Rom e dei Sinti. La ricorrenza  è stata istituita p...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2018
  • Firma la petizione per la pace
    La pace nel mondo può sembrare un'utopia. Eppure qualcosa tutti noi possiamo fare. È stata presentata il 5 aprile a Torino...
    Leggi tutto
    06 Aprile 2018
  • Buona Pasqua, festa di una nuova ..
    Massimo Barbiero, un giovane veneziano poco più che ventenne, va a vivere a Nairobi, in Kenya, nella baraccopoli di Soweto...
    Leggi tutto
    28 Marzo 2018
  • Legge 194: 40 anni di interruzion..
    Il 22 maggio 1918 ricorrono i 40 anni dall'entrata in vigore della legge 194 conosciuta come legge sull'aborto. Ma è ben ...
    Leggi tutto
    27 Marzo 2018
  • Carcere: salviamo la riforma
    Sul tema delle misure alternative alla detenzione il governo Gentiloni, prima di precipitare nel baratro, si era messo al ...
    Leggi tutto
    22 Marzo 2018
  • 22 anni di gioia con una bimba Down
    Il 21 marzo c'è la Giornata mondiale delle persone con Sindrome di Down. Oggi, soprattutto in alcuni Paesi del nord Euro...
    Leggi tutto
    20 Marzo 2018
Iscriviti alla
Newsletter
IOCON
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…