Il Giubileo degli scartati

Il Papa incontra i senza fissa dimora

«Quanto fa male ai noi credenti fare finta di non accorgerci?»

Le parole Papa Francesco tuonano, all’Angelus del 13 novembre scorso, in occasione del giubileo degli esclusi. Anche la Capanna di Betlemme di Rimini (casa di accoglienza per senza fissa dimora della Comunità Papa Giovanni XXIII), volontari e accolti, ha partecipato a Roma al week end giubilare. Tre pulmini e due dobló, 37 persone a Roma da venerdì a domenica, tutti insieme per vivere i momenti del Giubileo fino alla messa di domenica.

«Un’esperienza unica – raccontano – eravamo come a casa nostra, tra colonne e alabardieri. Ci siamo sentiti accolti e coccolati dalle parole di Francesco».

Il Santo Padre ha salutato e ringraziato tutte le associazioni che lavorano quotidianamente con le persone escluse e emarginate.

«Quanto ci fa male fingere di non accorgerci di Lazzaro che viene escluso e scartato! È voltare la faccia a Dio. È un sintomo di sclerosi spirituale quando l'interesse si concentra sulle cose da produrre, invece che sulle persone da amare». Francesco rimarca: «Così nasce la tragica contraddizione dei nostri tempi: quanto più aumentano il progresso e le possibilità, il ché è un bene, tanto più vi sono coloro che non possono accedervi. È una grande ingiustizia che deve preoccuparci, molto più di sapere quando e come sarà la fine del mondo; perché non si può stare tranquilli in casa mentre Lazzaro giace alla porta. Non c'è pace in casa di chi sta bene, quando manca giustizia nella casa di tutti».

#FOTOGALLERY:senzadimora#

E continua «Bisogna preoccuparsi, quando la coscienza si anestetizza e non fa più caso al fratello che ci soffre accanto o ai problemi seri del mondo, che diventano solo ritornelli già sentiti nelle scalette dei telegiornali».

La chiusura ufficiale di questo anno giubilare straordinario avverrà il 20 novembre, con la cerimonia liturgica solenne nella basilica di San Pietro in Vaticano presieduta dal Pontefice e la chiusura della Porta Santa. Già il 13 novembre però l'Anno Santo è praticamente finito: in tutte le diocesi del mondo i vescovi titolari chiuderanno le porte sante delle loro cattedrali, nonché nei santuari.

Questo anno giubilare dedicato alla Misericordia finisce, ma la speranza è che i solchi che ha lasciato nei cuori di tanti pellegrini continuino a dare frutti di conversione.

(foto di Kristian Gianfreda)



Francesca Ciarallo
14 Novembre 2016
NOTIZIE CORRELATE

Noi ci mettiamo la nostra vita, tu mettici il tuo 5xmille Codice fiscale 00310810221 #Cimettolamiavita

 

 

Ultime news
  • In partenza: giovani in missione
    Dal 17 al 19 marzo si è svolto il Corso Missioni rivolto a tutti i giovani interessati a fare un’esperienza in una delle r...
    Leggi tutto
    20 Marzo 2017
  • La voce dei profughi siriani all'..
    Il 14 marzo 2017, alla 34a sessione del Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra si è svolto il dialogo interattivo con la C...
    Leggi tutto
    16 Marzo 2017
  • Anche Ferrara sanziona i clienti
    È stato approvato lunedì 13 marzo il nuovo Regolamento di Polizia urbana con la maggioranza Pd pressochè compatta, che pre...
    Leggi tutto
    15 Marzo 2017
  • La sfida cristiana nel cuore dell..
    Testimoni della misericordia di Dio verso i più poveri e gli emarginati. Ecco la sfida di oggi, soprattutto per noi cristi...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • «Vi scrivo dal Bangladesh»
    La zona Asia (che riunisce i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII che vivono in Bangladesh, Sri Lanka, India, Cina) s...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • Un concerto contro la tratta
    Il Teatro “Magda Olivero” di Saluzzo (CN) era gremito e la gente che non è riuscita a trovare un posto a sedere, ha g...
    Leggi tutto
    13 Marzo 2017
  • Su Rai Due le donne invisibili
    Abbiamo appena finito di festeggiare la dignità delle donne, di tutte le donne con la ricorrenza dell’8  marzo. Eppure è s...
    Leggi tutto
    10 Marzo 2017
  • Villa confiscata diventa Casa Fam..
    A Sarzana, in provincia de La Spezia, un immobile ed un terreno confiscati alle organizzazioni criminali accoglieranno un...
    Leggi tutto
    09 Marzo 2017
  • Non solo mimose
    Buone notizie da numerosi comuni italiani, tra gli ultimi Piacenza e Sarzana, città in cui l'amministrazione comunale ha ...
    Leggi tutto
    08 Marzo 2017
  • Una via dedicata a don Benzi
    «Grazie per aver dedicato questa strada a don Oreste Benzi, prete di strada» Così Giovanni Paolo Ramonda si è rivolto ...
    Leggi tutto
    06 Marzo 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…