Via Crucis per le donne crocifisse a Roma

Il Piano nazionale Antitratta: nel biennio insieme contro la prostituzione

Un biennio per imparare a coordinarsi

Nonostante il ritardo di 3 anni, è ufficiale: anche l'Italia ha il suo Piano nazionale d'azione contro la tratta e il grave sfruttamento. Due i binari su cui muoveranno gli interventi in base alla normativa italiane: il primo di contrasto e repressione del crimine di sfruttamento di esseri umani, affidato alle Forze dell’Ordine e l’altro di prevenzione e protezione delle vittime, affidato ai servizi sociali e del privato sociale accreditato. Come anticipato dal Ministero dell'interno in più convegni regionali e nazionali, si tratterà di creare nel prossimo biennio 2016 – 2018 un coordinamento più efficace multiagenzia e multidisciplinare, attraverso il Meccanismo Nazionale di Referral, sulle diverse forme di tratta e sui diversi target di vittime. Sarà una “Cabina di regia” politico-istituzionale che, analizzati i bisogni, sia in grado di definire nuove modalità di finanziamento degli interventi nel campo della tratta, e una rete funzionale a livello nazionale, regionale e locale.

Quattro sono le parole chiave del nuovo Piano su cui sono centrati gli interventi:

  1. prevenzione
  2. azione penale
  3. protezione
  4. cooperazione.

Le novità principali riguardano la formazione di tutti gli attori impegnati nel campo: sono state infatti realizzate linee guida per l'identificazione delle potenziali vittime sia tra i migranti irregolari sia tra i profughi richiedenti asilo, e procedure operative per la prima assistenza e la presa in carico dei minori.

Riguardo alla prevenzione, «tra le azioni inerenti lo sfruttamento sessuale, è stata anche inserita la realizzazione di ricerche sulla riduzione della domanda (leggi: intervenire sul cliente, ndr) e di progetti di sensibilizzazione per scoraggiarla – ha commentato positivamente a caldo Maurizio Galli, referente nazionale per la tratta dell'Associazione Papa Giovanni XXIII.  Adesso sta anche a noi inventare iniziative innovative per scoraggiare i clienti».

Il filo rosso di tutto il Piano che punta sul contrasto del fenomeno e sulla tempistica ottimizzata degli interventi. Resta comunque l'approccio alle vittime centrato sui diritti umani, e quindi sulle potenzialità delle donne di redimersi, per essere soggetti attivi nel proprio progetto di autonomia, e in particolare con attenzione alla tutela dei diritti dei minori.

Per chi occupa nel settore si tratterà però di capire, in un panorama attuale complesso dovuto anche ai continui flussi di profughi, come collaborare concretamente a livello locale. Da una parte ci sono gli operatori del sistema asilo, dall'altra quelli del sistema tratta. Insieme dovranno garantire un reale percorso di integrazione a chi è caduto nella rete dei trafficanti per cercare un futuro migliore in Europa.



Irene Ciambezi
16/03/2016

 

 

 

Ultime news
  • 40 anni di Legge 194
    Il 22 maggio 2018 ricorrono i 40 anni dall'entrata in vigore della legge 194 conosciuta come legge sull'aborto. Ma è ben ...
    Leggi tutto
    22 Maggio 2018
  • Non solo nella Giornata delle Fam..
    Una nuova campagna e porte aperte in tutta Italia per celebrare la ricchezza delle Casa Famiglia: la loro diversità
    Leggi tutto
    15 Maggio 2018
  • 12 maggio, Open Day delle Case fa..
    Per i suoi 50 anni la Comunità Papa Giovanni XXIII apre le porte in 50 città in tutta Italia e lancia la campagna #ioson...
    Leggi tutto
    10 Maggio 2018
  • Sandra Sabattini venerabile
    «È incredibile, sembra proprio il profilo spirituale di Sandra, come se stesse parlando di lei!». Così reagiscono le amich...
    Leggi tutto
    02 Maggio 2018
  • Una casa del Comune intitolata a ..
    «Ogni passo in avanti per i deboli, per gli ultimi, è un passo in avanti per tutta l’umanità». Con questa frase incisa ...
    Leggi tutto
    24 Aprile 2018
  • 120 km contro la prostituzione
    Anche quest’anno da Firenze a Viareggio si marcia contro la prostituzione. Il 4 e 5 maggio, 136 chilometri vengono perco...
    Leggi tutto
    23 Aprile 2018
  • Una Casa per quelli che nessuno v..
    Ci sono alcune persone più emarginate di altre, soprattutto perché la società non ha "percorsi" adatti a loro: dimessi ...
    Leggi tutto
    23 Aprile 2018
  • Campi di volontariato
    Campi fuori le mura: a Reggio Calabria fra i profughi, negli orfanotrofi in Romania, o in tutta Italia con gli homeless e ...
    Leggi tutto
    20 Aprile 2018
  • Arte e musica per gli homeless
    Musica e arte si incontrano per sostenere la Capanna di Betlemme di Chieti, una casa di accoglienza dove ogni giorno senza...
    Leggi tutto
    19 Aprile 2018
  • Centro Diurno compie 20 anni
    «Non uno, né nessuno, ma centomila»: ecco il titolo della mostra in occasione dell'evento DiversaMente Abili (11ª edizione...
    Leggi tutto
    18 Aprile 2018
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…