I volti della tratta a Bologna

Accattonaggio, prostituzione, sfruttamento lavorativo, espianto di organi: ecco come si declina la schiavitù nel XXI secolo

Di che cosa si «tratta»? Questa la domanda provocatoria (dove “tratta” ha un duplice significato) che ha aperto l’evento del 19 Dicembre scorso, svoltosi alla Capanna di Betlemme di Bologna, struttura di accoglienza per senza dimora della Comunità Papa Giovanni XXIII (Apg23).

Giorgio Galvagno e Andrea Di Stefano
durante l'incontro svoltosi presso la Capanna di Betlemme di Bologna

A presentare la serata è Giorgio Galvagno, coordinatore della Capanna, dove quotidianamente si vive la condivisione diretta con i poveri. È qui che si manifesta l'esigenza, espressa dai tanti giovani che frequentano la struttura, di ascoltare testimonianze di vita significative ed è qui che nasce l'idea di un percorso, di un ciclo di incontri a tema, che possano essere stimolo e nutrimento per una conoscenza non fine a sé stessa ma che si alimenta di nomi, storie, incontri e racconti...

Provocatorio in quanto argomento della testimonianza è stato il fenomeno della tratta, che Andrea Di Stefano, collaboratore della Comunità Papa Giovanni XXIII per il progetto “Oltre la strada”, citando dati dell'ufficio delle Nazioni Unite che si occupa di droga e crimine organizzato, spiega che la tratta di esseri umani è la terza fonte di reddito del crimine organizzato dopo il traffico di armi e stupefacenti. L'equipe della Comunità di don Benzi quotidianamente opera sulle strade e si occupa prioritariamente della presa in carico e messa in sicurezza delle persone che vogliono fuoriuscire dal percorso di tratta, le quali possono trovare rifugio in una delle strutture protette di cui l'Associazione dispone e iniziare un percorso di reinserimento sociale. Tipicità questa dell'Apg23, che sul territorio collabora anche con altre realtà e diversi attori.

Ma che cos'è il fenomeno della tratta? Quali le tipologie?

A livello internazionale, spiega Andrea Di Stefano, la tratta è definita come «il portare una persona contro la propria volontà, o grazie a sotterfugi o all'inganno, da un punto A ad un punto B»; spostamento forzato al quale spesso segue, nella destinazione di arrivo, anche uno sfruttamento successivo. Varie le tipologie: dal tristemente noto sfruttamento a fini prostitutivi, al più recente fenomeno dell'accattonaggio, dallo sfruttamento lavorativo, fino al fenomeno della tratta ai fini di espianto degli organi. Al di là delle specificità ci ciascun tipo di tratta, è interessante notare come siano sempre gli strati più poveri della società i principali destinatari di queste forme di sfruttamento, ad esempio essendo costretti a vendere i propri organi per far fronte alla miseria.

Tante dunque le frustrazioni che quotidianamente vive chi opera in questo settore, a volte ingestibile il senso di impotenza e la consapevolezza di essere piccoli di fronte ad un fenomeno così complesso e multiforme, ma ciò che li spinge a continuare ad operare in questa direzione, dice Andrea, è il desiderio di poter modificare le coscienze, sensibilizzando sempre più al tema, e la speranza di far conoscere alle persone vittime di tratta una società diversa, di cui possano scegliere di fidarsi.

Il progetto “Oltre la strada”

Vent'anni fa nelle stazioni delle principali città italiane si iniziava a notare, senza comprendere le ragioni, un'improvvisa e crescente presenza di ragazze nigeriane. Fu così che il fondatore della Comunità Papa Giovanni XXIII, Don Oreste Benzi, decise di iniziare ad andare nei luoghi stessi in cui le ragazze si trovavano per incontrarle e parlare con loro. Si iniziò immediatamente a intuire la portata del fenomeno che oggi conta, solo sulle strada di Bologna, tra le 120 e le 150 ragazze a notte. A seguito dei primi passi, si instaura nel 2000 la collaborazione con il Comune di Bologna, per il quale la Comunità Papa Giovanni XXIII è oggi ente attuale del progetto “Oltre la strada”, una rete regionale che si occupa del contrasto ed emersione delle vittime di tratta e grave sfruttamento. Dall'esperienza con le ragazze nasce tre anni fa una nuova Unità di Strada che studia il fenomeno dell'accattonaggio e degli elemosinari, in espansione a Bologna. Due sono quindi le uscite settimanali, una diurna, l'altra notturna.



Debora Dalla Casa
02 Gennaio 2017
NOTIZIE CORRELATE

 

Ultime news
  • Dalla parte dei piccoli nascituri..
    3 donne su 4, considerando i dati relativi all'Emilia Romagna, scelgono di non abortire se vengono offerti loro aiuti conc...
    Leggi tutto
    23 Febbraio 2017
  • Noi festeggiamo così!
    Sabato 18 febbraio dalle ore 20.30 in palestra del patronato Pio X di Cittadella (PD) c’è stata una festa tutta special...
    Leggi tutto
    20 Febbraio 2017
  • Deserti (di preghiera) per tutti
    Don Oreste Benzi lo ripeteva continuamente, tanto da diventare uno degli slogan più conosciuti della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    17 Febbraio 2017
  • Il patriarca e tre vescovi contro..
    Sono state più di 500 le persone che hanno scelto di uscire in strada l’8 febbraio, a Verona, in una fredda serata d’inver...
    Leggi tutto
    10 Febbraio 2017
  • Giornata Nazionale sugli Stati Ve..
    «I figli che io e mia moglie abbiamo accolto nella nostra famiglia, una delle case famiglie della Comunità Papa Giovanni X...
    Leggi tutto
    09 Febbraio 2017
  • Ho deciso di scappare quando ho c..
    Nancy aveva 17 anni quando ha iniziato la vita di strada a Ferrara. Inconsapevole delle richieste perverse dei clienti che...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2017
  • Contro lo spreco alimentare
    Lo spreco alimentare e la fame nel mondo: due facce della stessa medaglia
    Leggi tutto
    05 Febbraio 2017
  • «Faccio il mestiere più antico ..
    «Vi racconto la mia libera scelta di fare il mestiere più antico del mondo» – A Rimini Marie Merklinger, di Space Int...
    Leggi tutto
    04 Febbraio 2017
  • Cresce il numero di prostitute mi..
    Dall'osservazione effettuata nel periodo dicembre 2016 – gennaio 2017 dalle 31 Unità di strada della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    02 Febbraio 2017
  • Tra tanti muri, qualche corridoio..
    Resta aperto il ponte aereo dei corridoi umanitari, realizzato attraverso l’accordo della Comunità di Sant’Egidio e d...
    Leggi tutto
    31 Gennaio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…