Ho deciso di scappare quando ho compiuto 18 anni

8 febbraio: Tavola rotonda e fiaccolata contro sfruttamento sessuale sulle vie ferraresi

Nancy aveva 17 anni quando ha iniziato la vita di strada a Ferrara. Inconsapevole delle richieste perverse dei clienti che pretendono sempre più spesso anche sesso senza preservativo, ha dovuto presto imparare il listino dei prezzi e seguire le regole imposte dalla sua sfruttatrice e dai suoi intermediari. Finchè una notte è rimasta incinta a seguito di uno stupro con un cliente che l'ha picchiata e nel giro di poche settimane all'Ospedale per l'interruzione di gravidanza senza far in tempo a capire qual era la via d'uscita. Quando ha compiuto 18 anni però ha deciso di lasciare questa vita di violenze e di lutti. Una notte ha incontrato un'operatrice e un sacerdote su quel tratto di marciapiede che la stava rovinando e ha sentito per la prima volta quelle parole "Puoi scappare, puoi essere libera! Non devi pagare i tuoi sfruttatori vieni via con noi" che nessun'altra unità di strada le aveva mai rivolto. E si è fidata.

Per Nancy e le tante donne e adolescenti indotte allo sfruttamento della prostituzione l'8 febbraio saranno presenti anche il Sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani, l'Arcivescovo Mons. Luigi Negri e il Vicepresidente della Comunità Papa Giovanni XXIII Primo Lazzari all'evento intitolato "Questo è il mio corpo! Ferrara per le vittime di tratta e sfruttamento sessuale", promosso nella Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani da Comunità Papa Giovanni XXIII, Parrocchia di Sant'Agostino e una serie di associazioni tra cui Caritas, Viale K, Emmaus Italia impegnate a Ferrara nell'accoglienza dei migranti.

Dalle rilevazioni delle Unità di strada della Comunità Papa Giovanni XXIII attive in 31 città italiane, emerge infatti l'aumento di vittime di tratta a scopo sessuale, anche a seguito del 300% in più di arrivi sulle nostre coste di donne e minori profughi, a rischio di essere assorbiti nei circuiti dello sfruttamento della prostituzione, come riscontrato dal Rapporto sulle vittime di tratta dell'Oim. In particolare, l'allarme riguarda il fenomeno della tratta di adolescenti provenienti per lo più da Nigeria e Romania, adescate nei paesi di origine e/o nei paesi di transito. Gli operatori di strada della Comunità Papa Giovanni XXIII lo riscontrano soprattutto a Torino, Cuneo, Biella, Verona, Modena, Ferrara, Massa Carrara, Roma.

Anche a Ferrara la situazione è preoccupante. Negli ultimi cinque mesi, il turn over di giovani potenziali vittime di tratta è sempre più alto e si evidenzia in modo particolare nella zona Gad e nella zona sud della città. Gli operatori della Comunità Papa Giovanni XXIII riscontrano circa 50 presenze il sabato e la domenica notte. Per il 60% sono donne nigeriane - ma sono contattate anche donne rumene e da luglio 2015 albanesi - che dichiarano di essere state indotte da connazionali ad avviarsi alla prostituzione sulle strade ferraresi.Le donne nigeriane sono tutte richiedenti asilo e dichiarano di dover pagare ai loro sfruttatori un debito che va dai 20.000 ai 35.000 euro. 

Per questo motivo, sollecitata da diversi cittadini del territorio di Via Bologna e in particolare dal parroco di Sant'Agostino don Michele Zecchin, la Comunità ha promosso l'8 febbraio alle ore 20.45 in Via Torboli 15, la Tavola rotonda "Sfruttamento sessuale: voci a confronto", moderata dalla giornalista e scrittriceCamilla Ghedini, che ha firmato la prefazione e due racconti dell'antologia "Il mestiere più antico del mondo?" di recente pubblicazione per Elliot. Interverrà, oltre al Vicequestore aggiunto e Dirigente dell'Ufficio immigrazione Michelina Pignataro e all'Assessore ai Servizi alla persona Chiara Sapigni, coordinatrice del Tavolo sulla tratta del Comune, anche Laila Simoncelli, avvocato della Comunità Papa Giovanni XXIII esperta di tratta di esseri umani, diritto internazionale e dell'immigrazione, negli anni '90 impegnata in ex Jugoslavia al fianco delle vittime del conflitto, successivamente in India e Africa a favore della tutela delle donne e dell'infanzia. Seguirà una fiaccolata lungo le vie del quartiere per non dimenticare chi, all'interno del crescente flusso di profughi, è maggiormente a rischio ovvero donne e minori vulnerabili, facili prede di sfruttatori. Il Vicepresidente della Comunità di don Benzi, Primo Lazzari, presenterà la Campagna Questo è il mio corpo, volta a promuovere l'introduzione di un articolo della Legge Merlin per fermare la domanda e così contrastare sfruttatori e trafficanti, proprio nel parcheggio dove di notte si prostituiscono giovani donne rumene, albanesi e nigeriane. La fiaccolata si concluderà con una Veglia di preghiera nella Chiesa di Sant'Agostino dove verranno ricordate le vittime di tratta, in particolare minorenni.



Irene Ciambezi
08 Febbraio 2017
NOTIZIE CORRELATE

 

Ultime news
  • Deserti (di preghiera) per tutti
    Don Oreste Benzi lo ripeteva continuamente, tanto da diventare uno degli slogan più conosciuti della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    17 Febbraio 2017
  • Il patriarca e tre vescovi contro..
    Sono state più di 500 le persone che hanno scelto di uscire in strada l’8 febbraio, a Verona, in una fredda serata d’inver...
    Leggi tutto
    10 Febbraio 2017
  • Giornata Nazionale sugli Stati Ve..
    «I figli che io e mia moglie abbiamo accolto nella nostra famiglia, una delle case famiglie della Comunità Papa Giovanni X...
    Leggi tutto
    09 Febbraio 2017
  • Ho deciso di scappare quando ho c..
    Nancy aveva 17 anni quando ha iniziato la vita di strada a Ferrara. Inconsapevole delle richieste perverse dei clienti che...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2017
  • Contro lo spreco alimentare
    Lo spreco alimentare e la fame nel mondo: due facce della stessa medaglia
    Leggi tutto
    05 Febbraio 2017
  • «Faccio il mestiere più antico ..
    «Vi racconto la mia libera scelta di fare il mestiere più antico del mondo» – A Rimini Marie Merklinger, di Space Int...
    Leggi tutto
    04 Febbraio 2017
  • Cresce il numero di prostitute mi..
    Dall'osservazione effettuata nel periodo dicembre 2016 – gennaio 2017 dalle 31 Unità di strada della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    02 Febbraio 2017
  • Tra tanti muri, qualche corridoio..
    Resta aperto il ponte aereo dei corridoi umanitari, realizzato attraverso l’accordo della Comunità di Sant’Egidio e d...
    Leggi tutto
    31 Gennaio 2017
  • Eutanasia? Ve la racconto io
    «Gesù chiede di essere amato negli ultimi. Ci chiede di riscoprire la nostra più alta vocazione: la vocazione all'amore. C...
    Leggi tutto
    30 Gennaio 2017
  • Volontari fra gli sfollati in Abr..
    Bevande calde, ma anche olio, pasta: sono arrivati a Chieti da Andria e Barletta con due furgoni carichi di aiuti raccolti...
    Leggi tutto
    27 Gennaio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…