Giornata mondiale contro la tratta degli esseri umani, 30 luglio 2018

Il libro contro la tratta, il tour

Due mani riunite a forma di cuore. Questo è il segno scelto che è stato scelto nel 2015 per celebrare la prima giornata di sostegno alle vittime del traffico degli esseri umani; per il 2017 l'invito a fotografare il proprio cuore e a condividerlo è rimasto valido, per far conoscere al maggior numero di persone possibile l'atrocità di un fenomeno oggi attivo più che mai. Si parla di 21 milioni di vittime di tratta nel mondo: persone che vengono rapite e vendute per lavoro nero, per la prostituzione, per guadagnare sulle speranze dei migranti in fuga o per traffico di organi.

Il 30 luglio di ogni anno è stato scelto dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, su proposta in particolare dall'Ufficio per contro il crimine e la droga, per sensibilizzare l'opinione pubblica e sostenere le legislazioni degli stati che vanno nella direzione di arginare il fenomeno. 

E anche nel 2018 #IGiveHope e #EndHumanTrafficking saranno gli hashtag che verranno utilizzati per rilanciare la campagna; ecco un video-tweet con cui il Parlamento Europeo ha lanciato la giornata contro la tratta quest'anno.  

 

 

Anche Papa Francesco è intervenuto per denunciare il fenomeno della tratta, con queste parole pronunciate dopo la recita dell’Angelus, il 30 luglio 2017: «Sembra che ci siamo così abituati, da considerare la tratta una cosa normale. Desidero richiamare l’impegno di tutti affinché questa piaga aberrante, forma di schiavitù moderna, sia adeguatamente contrastata». 

 

La tratta delle prostitute in Italia - il libro

Come l'Italia sia coinvolta lo spiega Irene Ciambezi, nel suo libro Non Siamo in Vendita - schiave adolescenti sulla rotta libica.

Nel 2013 sono arrivate in Italia - il libro cita i dati dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni - 5163 donne, mentre nel 2014 erano16.839. Tre volte tanto. Il 300% in più sono gli arrivi dalla Nigeria: 12.000 donne trafficate negli ultimi 2 anni secondo il Ministero degli Interni. I motivi della tratta? Il 59% delle vittime del traffico di esseri umani nel mondo viene venduto ai trafficanti di prostitute.Si parla spesso di prostitute per scelta: ma sono tre ragazzine, di 13, 15 e 17 anni, le protagoniste del libro di Irene Ciambezi. La loro storia vera parla di un vertice di inganni, umiliazioni, violenze e torture indicibili, che l'autrice ha messo nero su bianco, fin nei dettagli più scabrosi. I clienti delle prostitute italiane apprezzano molto le ragazzine e sono disposti a pagare di più per un rapporto con una minorenne. Se è incinta, tanto meglio.  «Si prostituiscono per libera scelta», è la giustificazione ricorrente utilizzata dai clienti per ripulirsi la coscienza, eppure non è così se non per una esigua minoranza di casi.

 

 

Come contrastare il traffico delle prostitute, a Milano come a Roma?

 
Al momento attuale è molto difficile intervenire sui trafficanti, che spesso agiscono indisturbati muovendo le leve della tratta degli esseri umani agendo da paesi africani privi di un controllo governativo, o anche in Italia ed in Europa protetti da una fitta rete di relazioni malavitose. Le forze dell'ordine con difficoltà riescono ad intervenire sui trafficanti: il titolo «Banda di trafficanti sgominata a Milano» racconta sostanzialmente una realtà in cui nel 99% dei casi non si riesce a far nulla.
 
Alcune legislazioni europee (quella svedese e quella francese ad esempio) hanno adottato strategie di contrasto al fenomeno scoraggiando la domanda: un semplice sistema di multe crescenti viene applicato ai clienti delle prostitute, e questo è si dimostrato sufficiente in pochi anni ad incidere positivamente contro il fenomeno della tratta. Nel cliente che viene sanzionato aumenta la consapevolezza dell'essere complice di essere un sistema di sfruttamento; nei paesi come l'Italia in cui la prostituzione è tollerata o considerata normale, cresce l'opinione diffusa che si tratti di un lavoro come un altro, aiutando di fatto il racket..

Per proporre anche in Italia un sistema di contrasto della tratta delle donne ispirato ai paesi del nord Europa, è stata presentata una proposta di legge; una cordata di sindacati, realtà associative ed enti pubblici ha attivato una raccolta di firme per sostenerla
 
 

La prostituzione va legalizzata?

 
Grande visibilità hanno i movimenti che vorrebbero anche in Italia le prostitute con partita iva. Diverse inchieste giornalistiche e report istituzionali hanno dimostrato che il sistema del libero mercato, che porta ad un inevitabile abbassamento dei prezzi, favorisce in realtà lo sfruttamento delle donne e aumenta il numero di prostitute straniere, disposte a vendersi senza preservativo e ad un prezzo più basso. In Germania un'inchiesta della trasmissione Report di Rai3 ha mostrato donne che si prostituiscno con i figli nell'altra stanza, altre con il ciclo mestruale, costrette dai contratti di affitto che devono sottoscrivere con i locali hard a dover soddisfare le richieste di clienti che sono sempre più esigenti. La normativa italiana attuale tollera la presenza delle prostitute sulle strade (prostituirsi non è reato), dunque alcuni comuni corrono ai ripari come possono.
 
 
«Dove se ne va il concetto della dignità della donna?», si domanda Irene Ciambezi nel suo libro. Il fenomento della tratta delle donne nigeriane in Italia è l'emergenza del momento: per raccontarlo l'autrice di "Non siamo in vendita" percorrerà la provincia di Modena, dove è attiva nell'accoglienza di alcune ragazze sfuggite al racket. La prefazione del libro è di Claudia Koll, il ricavato delle vendite (acquistalo qui) sostiene le unità di strada contro la tratta della Comunità Papa Giovanni XXIII. Ecco le date del suo tour:
 
FINALE EMILIA (MO)
30 LUGLIO
Testimonianza sul traffico di esseri umani e promozione della Campagna Antitratta Questo è il mio corpo dalle ore 19
 
6 AGOSTO
MISANO ADRIATICO (RN)
Testimonianza sul traffico di esseri umani e promozione del libro NON SIAMO IN VENDITA di Irene Ciambezi
 

27 AGOSTO dalle ore 10 alle 21.30

LIDO DEGLI ESTENSI (FE)
Viale dei castagni, 2
Testimonianza sul traffico di esseri umani e promozione della Campagna Antitratta Questo è il mio corpo 

 
MANTOVA 7 settembre
 
 
14 SETTEMBRE 2017
Fauglis (UD)  ore 20,30
QUESTO è IL MIO CORPO... uno sguardo sulla tratta e lo sfruttamento sessuale 
Intervengono: Irene Ciambezi, mediatrice culturale e autrice del libro “Non siamo in vendita” e Stefania Montanier Referente del Servizio antitratta nel territorio di Padova e Udine, membri dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII
 
CARPI (MO): 16 novembre 2017 ore 21
Popoli in viaggio: incontrarsi, accogliersi, integrarsi
Serata formativa su accoglienza rifugiati e tratta delle donne
in collaborazione con Caritas di Carpi, Consulta per l'integrazione, Ufficio Migrantes
 
SAN FELICE SUL PANARO (MO): Giovedì 23 novembre 2017 ore 21
Incontro con l'autrice di NON SIAMO IN VENDITA in occasione della Giornata contro la violenza alle donne
in collaborazione con Assessorato alle Politiche sociali e Agesci
 
MIRANDOLA (MO): Venerdì 24 novembre 2017, ore 18.30
Incontro con l'autrice di NON SIAMO IN VENDITA in occasione della Giornata contro la violenza alle donne presso il Foyer del Teatro Nuovo di Mirandola (MO)
in collaborazione con Assessorato alle Politiche sociali e Associazione Donne in centro
 
CAMPOGALLIANO (MO): data da definire
Incontro con l'autrice di NON SIAMO IN VENDITA in occasione della Giornata contro la violenza alle donne



Marco Tassinari
25 Luglio 2017
NOTIZIE CORRELATE

 

 

Ultime news
  • Papa Francesco visita la Colombia
    Papa Francesco compirà un viaggio apostolico in Colombia dal 6 all’11 settembre 2017, visitando le città di Bogotá, V...
    Leggi tutto
    04 Agosto 2017
  • Parti con SVE, il volontariato al..
    Il Servizio Volontario Europeo permette ai giovani tra i 18 e i 30 anni di partecipare ad attività di volontariato all'es...
    Leggi tutto
    26 Luglio 2017
  • giornata mondiale contro la tratta
    In Italia è emergenza per la tratta delle donne nigeriane che vengono vendute ai trafficanti di uomini ai fini della pros...
    Leggi tutto
    25 Luglio 2017
  • Maestri e insegnanti in dialogo
    Sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre 2017 si terrà a Forlì il 3° convegno della Scuola del Gratuito. Dopo le prime du...
    Leggi tutto
    24 Luglio 2017
  • 25 anni di nonviolenza
    In 25 anni sono stati circa 2000 i volontari che hanno costituito una presenza nonviolenta volontaria in 17 situazioni di ...
    Leggi tutto
    19 Luglio 2017
  • «La Chiesa o è missionaria, o n..
    Don Francesco Fiordaliso, sacerdote della diocesi di Livorno e membro della Comunità Papa Giovanni XXIII non ha dubbi: «ne...
    Leggi tutto
    14 Luglio 2017
  • Per sanare le ferite degli abband..
    Il 4 giugno appena trascorso è stato vissuto come un bellissimo momento di fraternità con grandi e piccini, anziani e adol...
    Leggi tutto
    14 Luglio 2017
  • In ricordo di Vittorio Tadei
    Vittorio Tadei, salito al cielo il 13 luglio di un anno fa, imprenditore riminese e grande amico di don Benzi, è stato un ...
    Leggi tutto
    13 Luglio 2017
  • Inclusione nel lavoro: mission po..
    Il giorno 1 luglio è stata la Giornata Internazionale delle Cooperative. Il Consorzio Comunità Papa Giovanni XXIII, con le...
    Leggi tutto
    06 Luglio 2017
  • Apre una nuova casa a Bucarest
    Don Federico Pedrana, sacerdote della diocesi di Como e membro della Comunità Papa Giovanni XXIII, fin dal 2007 va regolar...
    Leggi tutto
    06 Luglio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…