Francesco, ex tossicodipendente, ce l'ha fatta

A Rimini da tutta Italia i ragazzi dei percorsi terapeutici

Ci sarà anche Francesco, domani 16 dicembre, all’evento dei 300 giovani impegnati nel cammino per uscire dalle dipendenze che si terrà in una località di Villa Verucchio a Rimini.

Francesco, Originario della Toscana, 24 anni, fumò il primo spinello il giorno in cui ne stava compiendo 15; diventato cocainomane si ritrovò in poco tempo ad un passo dalla morte.

È finalmente arrivato anche per lui il momento della gioia, la fine del suo programma terapeutico, la rinascita: sarà la giornata del Riconoscimento del 26 dicembre 2016, per la quale già da tempo si stava preparando, nella comunità di Villafranca di Forlì che lo ospita. 

Francesco ha dovuto lavorare molto su di sé in questi anni, in un cammino che gli è costato fatica e impegno, e che, racconta, ha portato a risultati meravigliosi: «Ho ripreso gli studi, ho instaurato relazioni vere. Spesso mi guardano come un alieno, alcuni non mi riconoscono. Ora cammino, a volte zoppico, ma non temo... perché oggi c’è il sole a illuminare i miei passi». 

Saranno circa un centinaio i ragazzi che il cammino lo concluderanno quest’anno, e che si incontreranno il 17 a Marebello per i preparativi, e per raccontarsi i propri sogni per il futuro, i propri bisogni, le proprie speranze, ora che la vita trova un nuovo inizio.

Il giorno dopo Natale, alle 11.15, in un momento pubblico, Francesco riceverà la benedizione del Cardinale Edoardo Menichelli. Celebrerà la fine del percorso terapeutico nella parrocchia della Resurrezione che fu di Don Oreste Benzi, ideatore del metodo che gli ha cambiato la vita.  

Bartolomeo Barberis, un responsabile per l’ambito delle dipendenze della Papa Giovanni XXIII , spiega la proposta della Comunità : «La liberazione da tutte le forme di dipendenza patologica, sia da sostanze stupefacenti che da comportamenti devianti, è completa solo quando l’individuo si apre ad una ricerca autentica della relazione con l’Assoluto. Un numero sempre maggior di non cristiani, di musulmani, arriva da noi. Ma l'assoluto per noi ha un nome preciso: è il Padre che Gesù ci ha rivelato. Oltre alle dimensioni psichica, fisica, relazionale, della persona, noi continuiamo sulla strada pensata dal nostro fondatore don Benzi, che ha voluto una cappellina in ogni casa di accoglienza». 

Giovanni Paolo Ramonda, il responsabile della Comunità, si rivolge con un augurio ai ragazzi impegnati nei programmi terapeutici: «Siete giovani che nel cammino di liberazione dalle dipendenze avete scoperto i vostri talenti, ora sappiate metterli a frutto per il bene comune e dei più poveri». 



12 Dicembre 2016

 

Ultime news
  • Deserti (di preghiera) per tutti
    Don Oreste Benzi lo ripeteva continuamente, tanto da diventare uno degli slogan più conosciuti della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    17 Febbraio 2017
  • Il patriarca e tre vescovi contro..
    Sono state più di 500 le persone che hanno scelto di uscire in strada l’8 febbraio, a Verona, in una fredda serata d’inver...
    Leggi tutto
    10 Febbraio 2017
  • Giornata Nazionale sugli Stati Ve..
    «I figli che io e mia moglie abbiamo accolto nella nostra famiglia, una delle case famiglie della Comunità Papa Giovanni X...
    Leggi tutto
    09 Febbraio 2017
  • Ho deciso di scappare quando ho c..
    Nancy aveva 17 anni quando ha iniziato la vita di strada a Ferrara. Inconsapevole delle richieste perverse dei clienti che...
    Leggi tutto
    08 Febbraio 2017
  • Contro lo spreco alimentare
    Lo spreco alimentare e la fame nel mondo: due facce della stessa medaglia
    Leggi tutto
    05 Febbraio 2017
  • «Faccio il mestiere più antico ..
    «Vi racconto la mia libera scelta di fare il mestiere più antico del mondo» – A Rimini Marie Merklinger, di Space Int...
    Leggi tutto
    04 Febbraio 2017
  • Cresce il numero di prostitute mi..
    Dall'osservazione effettuata nel periodo dicembre 2016 – gennaio 2017 dalle 31 Unità di strada della Comunità Papa Giovann...
    Leggi tutto
    02 Febbraio 2017
  • Tra tanti muri, qualche corridoio..
    Resta aperto il ponte aereo dei corridoi umanitari, realizzato attraverso l’accordo della Comunità di Sant’Egidio e d...
    Leggi tutto
    31 Gennaio 2017
  • Eutanasia? Ve la racconto io
    «Gesù chiede di essere amato negli ultimi. Ci chiede di riscoprire la nostra più alta vocazione: la vocazione all'amore. C...
    Leggi tutto
    30 Gennaio 2017
  • Volontari fra gli sfollati in Abr..
    Bevande calde, ma anche olio, pasta: sono arrivati a Chieti da Andria e Barletta con due furgoni carichi di aiuti raccolti...
    Leggi tutto
    27 Gennaio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…