Pena alternativa: manifestazione di fronte al carcere di Rimini

Salviamo la riforma del Carcere

L'approvazione è un falso — ecco l'Italia che chiede pene alternative

Sul tema delle misure alternative alla detenzione il governo Gentiloni, prima di precipitare nel baratro, si era messo al lavoro: le scuderie romane ad inizio 2018 stavano forgiando in gran silenzio il principale decreto attuativo, previsto dalla riforma 2017, per regolamentare le varie istituzioni di pena alternative al carcere. Ed il 16 marzo è uscito, un po' in sordina, un gemito roco di festeggiamento. Le agenzie con gran foga hanno battuto: "riforma del carcere approvata dal governo", ma si tratta sostanzialmente di una gran bugia. Una piccola modifica qua, un ritocco là: ed ecco che la rivoluzione copernicana delle carceri Italiane, che tutta Europa stava aspettando, è nata già morta. Dovrà adesso ritornare alla Camera, ed è veramente improbabile che sarà una priorità per il nuovo Governo che verrà.

Ecco perché in tutta Italia la Comunità Papa Giovanni XXIII ha accolto l'annuncio con momenti di silenzio e di riflessione di fronte ad alcuni dei più importanti istituti penitenziari in tutta Italia.

 

#FOTOGALLERY:14marzo2018#

 

L'appello: salviamo la riforma delle carceri

Nelle carceri infatti la tendenza a commettere di nuovo dei reati, (la cosiddetta recidiva), si aggira fra il 75 e l'80; quando i detenuti hanno la possibilità di accedere a pene alternative la recidiva si abbassa addirittura al 10%.

Il Presidente di Apg23 Giovanni Paolo Ramonda fa appello alle coscienze: «Siamo ad un passo dall'approvazione della più importante riforma dell'ordinamento penitenziario degli ultimi 40 anni. Fermarsi ora dopo un lavoro di anni che ha coinvolto centinaia di esperti sarebbe davvero un'ingiustizia». Gli fa eco in un video il comico di Zelig, Paolo Cevoli.
 

 

 

Riceviamo e pubblichiamo dal carcere di Vicenza:

 
«Chiedo a tutti, per quanto possibile, di unirvi a noi, in comunione con i fratelli detenuti e la magistratura, per chiedere l'approvazione della riforma dell'Ordinamento Penitenziario, bloccata, sembrerebbe, per opportunità politiche. La riforma prevede:
  • una grande valorizzazione delle pene alternative;
  • l'eliminazione di leggi che hanno reso nel tempo l'affidamento più difficile;
  • promozione dell'apertura di dimore sociali convenzionate e accreditate per accogliere chi non ha abitazione esterna».

 

E ancora, dal carcere di Forlì:

«Ci troviamo davanti al carcere per difendere l'approvazione della riforma carceraria, In alcuni carceri è in atto lo sciopero della fame. Chiedo che chi può, si unisca a noi»

 

Le case Apg23 per le pene alternative

La prima casa di accoglienza per detenuti in pena alternativa della Comunità Papa Giovanni XXIII è stata aperta nel 2004; l'ultima è stata inaugurata alla fine del 2017. Eccola.

 

Una pena alternativa al carcere per i detenuti di Chieti

Il 15 settembre 2017 a Vasto, in provincia di Chieti, è stata inaugurata la casa Santi Pietro e Paolo. Si tratta della 6ª casa del progetto CEC (Comunità Educante per Carcerati, ecco come funziona) aperto in Italia dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. Il progetto CEC è operativo anche in Camerun ed è stato riconosciuto per primo in Italia come affiliato all’APAC, il metodo che organizza in modo alternativo diversi carcere in Brasile. «Questa nuova apertura dimostra che l’esecuzione penale al di fuori del carcere non solo è possibile, ma è anche un modo di rendere la pena utile per la sicurezza della società, per la crescita del reo, e rendere giustizia alle vittime. L’intera società è chiamata a farsi carico di chi nella debolezza ha confidato nel male come via per ottenere la felicità. La festa di inaugurazione è anche un momento di riflessione e confronto su alcune proposte concrete per il superamento del carcere» ha detto Giorgio Pieri, coordinatore del progetto CEC.

#FOTOGALLERY:cecvasto#

 

#apg23 comunità #CEC #sanlorenzo inaugurazione ... manca poco. #apg23_org #apg23

Un post condiviso da Federico Dessardo (@federicodessardo) in data:

 

Pene alternative: pareri a confronto

Durante il seminario "L'uomo non è il suo errore" Monsignor Bruno Forte, arcivescovo della diocesi Chieti-Vasto, ha condiviso una sua esperienza personale: nei primissimi mesi di sacerdozio era stato con i carcerati in Ruanda, dopo il genocidio. In quell’occasione era stato molto colpito dalle condizioni terrificanti in cui venivano i detenuti, molti dei quali erano innocenti; la dignità umana era cancellata, calpestata. Per questo motivo mons. Forte si sente particolarmente sensibile al tema del recupero dei condannati. Citando Papa Benedetto XVI (uno dei suoi interventi sulla pastorale carceraria) ha ribadito che in un carcere non sicuro la dignità della persona è a rischio, ha citato anche Papa Francesco, che dice che ogni pena deve comunque sempre promuovere la dignità dell'uomo, la pena non può essere una vendetta. Ha ribadito inoltre l’importanza che tutte le comunità parrocchiali aiutino i detenuti e i loro familiari, costituendo anche un gruppo di volontari che si rendano presenti in tutte le carceri del territorio. C’è poi l'urgenza di operare per il reinserimento dei detenuti.


Federica Chiavaroli, sottosegretario di Stato alla Giustizia, ha sottolineato che il carcere è un mondo sconosciuto e sul tema delle misure alternative ha ribadito la necessità di modificare il nome “carcere”: la dicitura esatta dovrebbe essere “misure di comunità” perché si svolgono in comunità, per la comunità, con la comunità. Non si dovrebbe parlare di “alternativa” al carcere, come se quest’ultimo fosse l'intervento da privilegiare, ma il carcere dovrebbe rimanere l'extrema ratio. Recuperando i detenuti, la comunità crea autentica sicurezza sociale; è fondamentale far conoscere il carcere e le misure di comunità, il modello della giustizia minorile deve essere sviluppato, inoltre anche nell'ambito della giustizia per i maggiorenni c’è un cammino da fare insieme per il futuro. Ha citato un'esperienza personale vissuta con i detenuti del carcere di Pescara che, dietro sua iniziativa, hanno svolto lavoro socialmente utile pulendo il sentiero per Rigopiano ove vi fu quel terribile incidente all'albergo: è stata un'esperienza molto bella che ha colpito prima di tutto gli abitanti del territorio.

 

 

 



Marco Tassinari
22/03/2018
TAG: Carcere
NOTIZIE CORRELATE

 

 

 

Ultime news
  • Arte e musica per gli homeless
    Musica e arte si incontrano per sostenere la Capanna di Betlemme di Chieti, una casa di accoglienza dove ogni giorno senza...
    Leggi tutto
    19 Aprile 2018
  • Centro Diurno compie 20 anni
    «Non uno, né nessuno, ma centomila»: ecco il titolo della mostra in occasione dell'evento DiversaMente Abili (11ª edizione...
    Leggi tutto
    18 Aprile 2018
  • Sandra Sabattini, santa della por..
    «È incredibile, sembra proprio il profilo spirituale di Sandra, come se stesse parlando di lei!». Così reagiscono le amich...
    Leggi tutto
    10 Aprile 2018
  • Il tuo 5x1000 alla Comunità Papa..
    Ogni giorno accogliamo bambini, anziani, persone con gravi disabilità, uomini e donne che non hanno niente, che non hanno...
    Leggi tutto
    09 Aprile 2018
  • In festa con i Rom
    L’8 aprile in tutto il mondo si celebra la giornata internazionale dei Rom e dei Sinti. La ricorrenza  è stata istituita p...
    Leggi tutto
    08 Aprile 2018
  • Firma la petizione per la pace
    La pace nel mondo può sembrare un'utopia. Eppure qualcosa tutti noi possiamo fare. È stata presentata il 5 aprile a Torino...
    Leggi tutto
    06 Aprile 2018
  • Buona Pasqua, festa di una nuova ..
    Massimo Barbiero, un giovane veneziano poco più che ventenne, va a vivere a Nairobi, in Kenya, nella baraccopoli di Soweto...
    Leggi tutto
    28 Marzo 2018
  • Legge 194: 40 anni di interruzion..
    Il 22 maggio 1918 ricorrono i 40 anni dall'entrata in vigore della legge 194 conosciuta come legge sull'aborto. Ma è ben ...
    Leggi tutto
    27 Marzo 2018
  • Carcere: salviamo la riforma
    Sul tema delle misure alternative alla detenzione il governo Gentiloni, prima di precipitare nel baratro, si era messo al ...
    Leggi tutto
    22 Marzo 2018
  • 22 anni di gioia con una bimba Down
    Il 21 marzo c'è la Giornata mondiale delle persone con Sindrome di Down. Oggi, soprattutto in alcuni Paesi del nord Euro...
    Leggi tutto
    20 Marzo 2018
Iscriviti alla
Newsletter
IOCON
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…