Eventi




Cannabis: legalizzare crea danni

Il procuratore Gatteri: «Lo stato non può competere con il mercato illegale». Il ministro Costa: no alla «statalizzazione dello spaccio».

Don Benzi diceva: «I giovani che fanno uso di droga cercano la vita. Hanno diritto di vivere e non di morire lentamente facendo uso di sostanze». Con queste parole è iniziato l'intervento di Giovanni Paolo Ramonda ieri, martedì 27 settembre, in Senato, al convegno Cannabis, non è mai leggera! All'evento erano presenti numerosi giornalisti e politici, attenti a capire, al di là dei proclami ideologici, cosa implicherebbe un'eventuale legalizzazione della cannabis. Un progetto di legge in tal senso è, infatti, in discussione alla Camera dei Deputati.

«La liberalizzazione della cannabis equivale ad una riduzione in schiavitù del giovane – ha affermato Ramonda – perché l'intelligenza si addormenta, la volontà si affievolisce, la creatività si omologa, i loro talenti vengono seppelliti. Anzi vanno in fumo!»

L'intervento di Ramonda è stato applaudito dal pubblico nel momento in cui ha sottolineato il fondamentale ruolo educativo della famiglia nei confronti del problema droga tra adolescenti e pre-adolescenti. Ruolo educativo insito in ogni legge dello Stato e che viene inspiegabilmente omesso quando si parla di legalizzare le droghe. A partire dalla concreta esperienza, il Responsabile Generale della Comunità Papa Giovanni XXIII ha spiegato che la cannabis non solo crea dipendenza, ma è anche dannosa. Inoltre la legalizzazione comporterebbe un aumento della domanda di droga, così come avviene nel caso della prostituzione legale.

«Nelle nostre 500 comunità, in tutto il mondo, dove accogliamo disabili e poveri, alcuni dei responsabili sono persone, ex tossicodipendenti, che hanno riscoperto quella intelligenza d'amore che era stata sepolta dalle droghe».

Significativo anche l'intervento di Nicola Gratteri, Procuratore della Repubblica di Catanzaro, che aveva rischiato di divenire ministro della giustizia, in prima linea nella lotta alla criminalità organizzata.  «Mai si potrà competere sul piano del prezzo tra la produzione legale e quella illegale, gestita dalla mafia. Figuriamoci – ha osservato Gratteri – se i tossicodipendenti andrebbero a comprare la cannabis a 10 euro al grammo in farmacia, quando possono averla a 4 euro dagli spacciatori!». Il magistrato ha poi aggiunto: «È inaccettabile pensare: “Siccome non siamo stati capaci di contrastare il narcotraffico, legalizziamolo”. È come dire: “Non riusciamo a scoprire gli assassini, legalizziamo gli omicidi”».

Al convegno ha partecipato anche il ministro della Famiglia, Enrico Costa. «Loro la chiamano legalizzazione. Io la chiamerei statalizzazione dello spaccio».



Luca Luccitelli
28/09/2016
TAG: Droga / Ramonda

 

 

 
Ultime news
  • Giornata disabilità: Io Valgo
    Eventi e iniziative in tutta Italia per il 3 dicembre, giornata internazionale ONU per i Diritti delle persone con disabil...
    Leggi tutto
    03 Dicembre 2018
  • Mattarella in visita ad Apg23
    «Questa è la prima volta che un Presidente visita la nostra Comunità. Con grande gioia l'abbiamo accolta in questo giorno ...
    Leggi tutto
    30 Novembre 2018
  • Solo cose belle
     Il 7 dicembre, in occasione del cinquantennale della Comunità di don Benzi, a Rimini c'è stata una proiezione straordinar...
    Leggi tutto
    29 Novembre 2018
  • Contro la violenza alle donne
    Nel mondo sono migliaia le donne che aiutano altre donne. Per un giorno in particolare, ma anche durante il resto dell'ann...
    Leggi tutto
    24 Novembre 2018
  • Il regalo di Natale più bello? C..
    Sono arrivati i nuovi regali solidali di Apg23: regali che contano davvero perché dietro ogni dono c’è la storia di un...
    Leggi tutto
    23 Novembre 2018
  • Un film contro la tratta
    Un docufilm che racconta storie vere di giovani donne trafficate come prostitute da mafie transnazionali e sfruttate dai ...
    Leggi tutto
    19 Novembre 2018
  • La giornata mondiale dei poveri
    18 novembre 2018: è la 2ª Giornata mondiale dei poveri, scaturita l’anno scorso dalla sensibilità di Papa Francesco. Come ...
    Leggi tutto
    18 Novembre 2018
  • Corridoi umanitari
    È atterrato il 14 novembre 2018 a Roma il corridoio umanitario che ha portato legalmente in Italia 51 profughi in fuga dal...
    Leggi tutto
    14 Novembre 2018
  • Intrappolati dalle sette
    Intrappolati dalle tenebre, attratti da promesse di felicità, che presto si trasformano in incubi. È il mondo sommerso del...
    Leggi tutto
    14 Novembre 2018
  • La ricerca IUSVE
    Un posto dove un uomo e una donna, o uno dei due, scelgono di svolgere la funzione di papà e di mamma in modo stabile e c...
    Leggi tutto
    13 Novembre 2018
Iscriviti alla Newsletter IOCON
iscriviti adesso
Desidero ricevere vostre comunicazioni e richieste personalizzate via email. Informativa Privacy
Loading…