100 giovani di ritorno dalle frontiere europee

I ragazzi si sono impegnati da luglio a settembre in Georgia, Romania, Olanda, Albania

«Essere a contatto con persone ferite perchè senza dimora a causa della crisi oppure discriminate per la diversità culturale non è quel che si dice proprio una vacanza. Ma è un'avventura affascinante e spero di aver dato inizio ad un cambiamento col mio semplice servizio».

Ecco un frammento del diario di bordo di Alessandro, diciassettenne emiliano, che ha partecipato ad uno dei campi fuorilemur@, promossi dal Servizio condivisione giovani in Europa.

Oltre 100 giovani si sono impegnati da luglio a settembre in Georgia, Romania, Olanda, Albania, paesi in cui sono già attive numerose case-famiglia e pronte accoglienza dell'Associazione Papa Giovanni XXIII e che in estate rinvigoriscono le forze attraverso la presenza vitale di “giovani di frontiera” ovvero di chi sceglie di andare incontro alle periferie esistenziali. 

In Georgia, il gruppo capitanato da Marinella Baldassari, ha vissuto quindici giorni «tra i bimbi della baraccopoli di Batumi con 1500 piccole stanze, di legno e latte, ospitanti famiglie molto numerose da solo un anno con luce e acqua due ore al giorno. “Qui nessuno è straniero" è ciò che ci piacerebbe lasciare scritto perchè ci sentiamo davvero a casa». 

In Olanda una delle esperienze più significative: la condivisione con i rom sopravvissuti alle deportazioni naziste e oggi di nuovo dispersi nei campi organizzati dallo stato olandese, dividendone le famiglie. 

«Quello che ci ha messo più alla prova? Il giorno trascorso al campo rom di Boxtel - spiega Carmela Di Punzio, animatrice dei giovani in Olanda - dove abbiamo avuto l’ardire di costruire una edicola votiva alla Beata Vergine Maria restando in preghiera tutti zuppi sotto una pioggia scrosciante. Ma pare che la pioggia, secondo la cultura rom,  sia la benedizione di Dio agli uomini!».

«Negli orfanotrofi di Bucarest, - raccontano i giovani volontari rientrati a fine agosto dalla Romania con don Federico Pedrana – abbiamo organizzato attività di animazione con i bambini senza genitori per i quali un solo sorriso vale molto di più di tante parole. Un'altra equipe invece ha vissuto la condivisione in un quartiere di zingari, mettendosi in ascolto dei più giovani. Dio fa miracoli: preghiera, giovani e poveri insieme diventano un'esplosione unica per tutti!».

Anche i giovani sparsi nelle città europee hanno seguito il tema dell'anno dal titolo Vitamina C: per il corpo, per il cuore, favorisce la condivisione, come i coetanei impegnati dal sud al nord d'Italia nei campi di servizio con disabili, profughi, minori del carcere, ex tossicodipendenti, vittime di tratta: insieme a chi una vacanza rischia di non viverla.

Un'occasione di ricarica sul tema della qualità delle relazioni e degli affetti che è stata d'impatto in quelle terre d'Europa dove, ha ricordato di recente Papa Francesco, «persistono troppe situazioni in cui gli esseri umani sono trattati come oggetti, dei quali si può programmare la configurazione e l’utilità, e che possono essere buttati via se non servono più».

Il 19 e 20 settembre a Crema ci sarà l'incontro nazionale dei giovani della Comunità.

(Irene Ciambezi)



14 Settembre 2015

Noi ci mettiamo la nostra vita, tu mettici il tuo 5xmille Codice fiscale 00310810221 #Cimettolamiavita

 

 

Ultime news
  • In partenza: giovani in missione
    Dal 17 al 19 marzo si è svolto il Corso Missioni rivolto a tutti i giovani interessati a fare un’esperienza in una delle r...
    Leggi tutto
    20 Marzo 2017
  • La voce dei profughi siriani all'..
    Il 14 marzo 2017, alla 34a sessione del Consiglio dei Diritti Umani di Ginevra si è svolto il dialogo interattivo con la C...
    Leggi tutto
    16 Marzo 2017
  • Anche Ferrara sanziona i clienti
    È stato approvato lunedì 13 marzo il nuovo Regolamento di Polizia urbana con la maggioranza Pd pressochè compatta, che pre...
    Leggi tutto
    15 Marzo 2017
  • La sfida cristiana nel cuore dell..
    Testimoni della misericordia di Dio verso i più poveri e gli emarginati. Ecco la sfida di oggi, soprattutto per noi cristi...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • «Vi scrivo dal Bangladesh»
    La zona Asia (che riunisce i membri della Comunità Papa Giovanni XXIII che vivono in Bangladesh, Sri Lanka, India, Cina) s...
    Leggi tutto
    14 Marzo 2017
  • Un concerto contro la tratta
    Il Teatro “Magda Olivero” di Saluzzo (CN) era gremito e la gente che non è riuscita a trovare un posto a sedere, ha g...
    Leggi tutto
    13 Marzo 2017
  • Su Rai Due le donne invisibili
    Abbiamo appena finito di festeggiare la dignità delle donne, di tutte le donne con la ricorrenza dell’8  marzo. Eppure è s...
    Leggi tutto
    10 Marzo 2017
  • Villa confiscata diventa Casa Fam..
    A Sarzana, in provincia de La Spezia, un immobile ed un terreno confiscati alle organizzazioni criminali accoglieranno un...
    Leggi tutto
    09 Marzo 2017
  • Non solo mimose
    Buone notizie da numerosi comuni italiani, tra gli ultimi Piacenza e Sarzana, città in cui l'amministrazione comunale ha ...
    Leggi tutto
    08 Marzo 2017
  • Una via dedicata a don Benzi
    «Grazie per aver dedicato questa strada a don Oreste Benzi, prete di strada» Così Giovanni Paolo Ramonda si è rivolto ...
    Leggi tutto
    06 Marzo 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…