Una mostra per gli artisti del Centro Diurno

A Cesena fino al 1 maggio sarà visitabile l'esposizione "aCasa"

Dal 9 aprile fino al 1 maggio, in Galleria Peschiera a Cesena (FC) sarà visitabile “aCasa”, la Mostra organizzata dal Centro Diurno socio-riabilitativo Don Oreste Benzi di San Tomaso (FC), gestito dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. La mostra ricostruisce i diversi spazi di convivialità della casa e nasce dal bisogno di comunicare l'importanza della casa come luogo privilegiato dell’accoglienza e della condivisione da parte degli artisti.

Abbiamo rivolto alcune domande a Flora Amaduzzi, responsabile del Centro Diurno Don Oreste Benzi e ideatrice della mostra:

Perché è importante organizzare queste mostre con le creazioni dei vostri ragazzi?

«È il modo estremamente originale che noi del centro Diurno Don Oreste Benzi abbiamo di vivere la “rimozione delle cause che creano emarginazione”, come diceva sempre don Oreste. La Mostra è una sfida e insieme una grande occasione, un momento didattico e culturale, di educazione alla diversità, alla convivenza, all’accoglienza, alla pace. È uno stimolo alla curiosità per l’arte, nella profonda convinzione che la bellezza artistica sia fonte di una nuova cultura del rispetto della diversità, del dialogo e dell’incontro».

Nel Centro Diurno l'arte è un linguaggio importante, perché?

«Per noi l’arte è un linguaggio veramente speciale e alla portata di tutti perché  permette di esprimere e comunicare attraverso i colori, le forme e la scelta dei vari materiali i diversi stati d’animo. È necessario poter esprimere rabbia o dolore o gioia, entusiasmo ma anche paura e per chi non ha dimestichezza con le parole, l’arte diventa un linguaggio universale comprensibile da tutti, perché usa simboli e codici condivisibili da tutti».

Il titolo della Mostra è "aCasa", però fa parte della 9a edizione di "diversaMENTE ABILI", spiegaci meglio il contesto in cui è inserito tutto ciò.

«Ogni mostra “diversa MENTE ABILI” ha un tema e quella di quest’anno è “aCasa”, per ricordare il nostro fondatore don Oreste Benzi. Siamo alla 9ª edizione della Mostra chiamata “diversaMENTE ABILI”, in verità di mostre ne abbiamo fatte molte più di 9, ma solo 9 con questo nome. Si svolge ogni anno e nei primi anni l’esposizione era nella galleria comunale dove c’era molta visibilità, poi la galleria non era più disponibile e allora abbiamo cercato altrove. Non è facile trovare una galleria disponibile ad ospitare i nostri lavori. Per entrare in questa abbiamo partecipato ad un bando di concorso comunale e siamo rientrati tra i prescelti. Ogni mercoledì mattina siamo presenti in mostra con un laboratorio dal vivo per incontrare scolaresche o altri Centri Diurni che desiderano conoscerci e lavorare con noi».

#FOTOGALLERY:mostraCD#

L'esposizione si apre con una grande installazione intitolata “Aggiungi un posto a tavola”, che consiste in un ampio mosaico di sgabelli in legno dipinti a mano. Lo sgabello rappresenta simbolicamente l’opportunità e la scelta di fermarsi, sedersi, occupare un posto, essere se stessi; rappresenta l'unicità dell'individuo nella sua globale convivenza. Indica che in una casa c’è sempre un posto disponibile per l’ultimo arrivato anche se improvviso e inatteso.

Il messaggio è chiaro: c’è un posto anche per te!



Chiara Bonetto
TAG: Arte / Disabilità
20 Aprile 2017
NOTIZIE CORRELATE

Noi ci mettiamo la nostra vita, tu mettici il tuo 5xmille Codice fiscale 00310810221 #Cimettolamiavita

 

Servizio Civile 2017

 

 

Ultime news
  • Va in scena l’integrazione
    Sono passati 4 anni dalla 1ª edizione di DiversArtemente che ci ha visti impegnati nel Festival delle disabilità a Ferrara...
    Leggi tutto
    23 Giugno 2017
  • La proposta di Pace dei profughi ..
    «A noi l'unico diritto che è lasciato è quello di scegliere come morire»: comincia così la lettera per la pace in Siria fi...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2017
  • Poeti fuori dal tunnel della droga
    Alla Biennale della Prossimità c’erano anche loro, poeti in erba, i giovani e adulti della Comunità terapeutica San ...
    Leggi tutto
    20 Giugno 2017
  • Un’estate di gioia per tanti gi..
    Più di 300 ragazzi inizieranno il loro anno di servizio civile volontario. E centinaia di adolescenti parteciperanno ai c...
    Leggi tutto
    16 Giugno 2017
  • Chiara tossicodipendente oggi è ..
    «Io amo la libertà. La salute, la libertà e la felicità sono le cose più belle della vita e se arrivi ad averle tutte sei ...
    Leggi tutto
    14 Giugno 2017
  • Salvo il profugo siriano leucemico
    Musaab, profugo dalla Siria, si era rifugiato in Libano. Ma la sua malattia non gli avrebbe lasciato scampo. È arrivato qu...
    Leggi tutto
    08 Giugno 2017
  • «Siate fecondi di vocazioni»
    Una delegazione della Comunità Papa Giovanni XXIII ha incontrato oggi il Cardinale Kevin Farrell, presidente del nuovo Dic...
    Leggi tutto
    07 Giugno 2017
  • «La prostituzione è una forma d..
    «La prostituzione è una forma di violenza di genere. Serve una legge per sanzionare gli uomini che comprano sesso». Son...
    Leggi tutto
    05 Giugno 2017
  • Sulle orme di don Oreste
    Il 27 e 28 maggio i figli spirituali di don Oreste Benzi sono giunti a Forlì da ogni parte del mondo. Obiettivo: attinger...
    Leggi tutto
    26 Maggio 2017
  • Ecco il bando di Servizio Civile ..
    Sono 269 in Italia e 58 all'estero i posti disponibili con la Comunità Papa Giovanni XXIII all’interno del bando 20...
    Leggi tutto
    26 Maggio 2017
Newsletter
iscriviti
Informativa art. 13, d. lgs 196/2003 I tuoi dati personali saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, per attività informative e promozionali su progetti, iniziative, servizi e prodotti di Comunità Papa Giovanni XXIII e degli enti a essa consorziati (“Consorzio” – vedi link sotto per conoscere l’elenco delle entità giuridiche), come espressamente richiesto con l’iscrizione alla newsletter. Titolare del trattamento è Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Mameli 1, 47921 Rimini (RN). Gli incaricati preposti al trattamento dei dati sono gli addetti alle attività di comunicazione e marketing, di organizzazione di campagne promozionali e istituzionali, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003 si possono esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per fini promozionali e informativi, e richiedere l’elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo a Comunità Papa Giovanni XXIII – Via Punta di Ferro 2D, 47122 Forlì (FC) oppure inviare un’e-mail a infoapg23@apg23.org.
Loading…